GASTRONOMIA

E’ difficile poter parlare di “tradizione” gastronomica a Sabaudia, poiché la città è molto giovane; si può comunque parlare di una “nascita” della gastronomia locale. Essa prende origine dalle famiglie ciociare (già presenti nell’Agro Pontino) e dalle famiglie provenienti dal Veneto, dal Friuli e dall’Emilia, primi abitanti della città.

Negli anni sessanta la città si è arricchita di tradizioni culinarie grazie all’immigrazione di campani e siciliani.

Pertanto, piatti tipici possono essere considerati la polenta, preparata “lenta” con svariati e gustosi sughi di carne o “osei”, oppure fritta, accompagnata da pancetta o salamini; i cappelletti ed i tortellini, soprattutto in brodo oppure al ragù; le fettuccine al sugo di pomodoro o alla boscaiola con salsiccia sminuzzata e la pasta e fagioli.

Tra i secondi piatti si trovano l’agnello, l’abbacchio (cotti nel forno a legna con le patate), il maiale e le luganeghe alla griglia.

Lo sviluppo turistico della città ha portato la crescita della cucina dei piatti marinari: alici, cefali, merluzzi, spigole, orate, vongole, polpi e crostacei.

Tra le verdure: i carciofi alla giudia, le zucchine ed i peperoni alla griglia, le melanzane al funghetto ed alla parmigiana.

Tra i dolci: mostaccioli, cannoli siciliani, cassate, pastiera napoletana, babà e sfogliatelle. Inoltre i tipici dolci di carnevale quali frappe e castagnole.

 

 

[Home] [Italiano] [Alberghi] [Bed & Breakfast] [Agriturismo] [Affittacamere] [Campeggi e Villaggi Turistici] [Agenzie Immobiliari] [Storia] [Architettura] [Archeologia] [Parco Nazionale del Circeo] [Ambiente] [Gastronomia] [Prodotti tipici] [Da visitare] [Itinerari] [Ristorazione] [Tempo libero e Sport] [Numeri utili] [Pianta della città] [Eventi] [Raccolta Differenziata] [PRIVACY POLICY] [Inglese]